« Indietro

Il Prof. Fabio Rossi ci ha lasciato

domenica 03 gennaio 2021 - 13:46

Il Prof. Fabio Rossi, Socio Onorario della Società Idrologica Italiana, non è più con noi.

 

Il Prof. Rossi   è stato un punto di riferimento fondamentale dell'Idrologia italiana, per la sua capacità di unire aspetti teorici e applicativi e di trovare soluzioni scientificamente ineccepibili per risolvere problemi concreti. Egli ha saputo dare nuovo vigore alle sue radici saldamente integrate nella grande scuola napoletana di Idrologia Applicata riuscendo a superare l'aspetto sostanzialmente operativo dell'Idrologia e a favorirne l'affermazione anche come Scienza.  Ogni problema dal più semplice al più difficoltoso è stato sempre affrontato cercando di definire un contesto più complessivo nel quale collocarlo correttamente. L'accuratezza e il puntiglioso rigore con il quale ha affrontato e descritto ogni argomento sono sempre gli stessi sia per un articolo su una prestigiosa rivista che per una memoria ad un Seminario di carattere locale, a testimonianza del rispetto per la disciplina e più in generale per la missione di trasmettere il sapere. L'importanza del suo insegnamento è testimoniato dal fatto che alla sua scuola si è formata un'intera generazione di idrologi, molti dei quali operano, con risultati positivi, in tante Università italiane e in tante strutture tecnico scientifiche di Enti pubblici e Società private. È impossibile in poche righe tracciare un itinerario sia pure schematico di tutto quello che ha fatto Fabio Rossi nella sua attività di ricercatore e, pertanto, si ricorderanno solo alcuni fatti. Va menzionato in primo luogo Il suo impegno nell'ambito del GNDCI come responsabile di una delle linee di ricerca e in particolare del progetto VAPI, momento alto, e forse irripetibile, di collaborazione tra un gran numero di Università e di Istituti del CNR. Il progetto VAPI ha prodotto risultati applicativi, fondati su solide analisi teoriche, che hanno rappresentato per oltre 20 anni lo standard operativo di riferimento per un gran numero di realizzazioni, in particolare per i PAI. È bello sottolineare che gli studi avviati sul finire degli anni 70 sull'analisi statistica degli estremi, sono state un punto di riferimento costante per la ricerca di Fabio Rossi e hanno dato anche di recente importanti e innovativi risultati che consentono di conglobare, in modo semplice ed efficace, nell'analisi degli estremi anche i terribili medicanes. Ma Fabio Rossi ha dato il suo contributo anche nella gestione di strutture complesse, favorendo la nascita e lo sviluppo del CUGRI fino a farlo diventare un centro di eccellenza nell'analisi e nella mitigazione dei grandi rischi. In questo contesto si colloca anche il ruolo decisivo da lui svolto nell'affrontare, in un clima di angosciosa tensione, la gestione dell'immediato post alluvione a Sarno, favorendo con la sua capacità di analisi e di proposta il superamento, sia pure graduale, della terribile emergenza.
Il Prof. Fabio Rossi è stato anche un grandissimo esempio di uomo, nella sua lotta instancabile contro la malattia che lo aveva aggredito, impedendole di piegare la sua volontà e di scalfire la sua limpida intelligenza.

 

Il Consiglio Direttivo della Società Idrologica Italiana   assieme ai suoi Soci, esprime la propria vicinanza alla Famiglia del Prof. Fabio Rossi e a tutti coloro che gli hanno voluto bene.